Quadro di Giovanni Fattori - Libecciata
Libecciata: un quadro di Giovanni Fattori
Clicca sulla foto del quadro >
Fotografia del quadro La foto originale (in alta risoluzione)

Dimensioni: 24 x 49 cm

Tecnica pittorica:
Olio su Tavola

Autore originale:
Giovanni Fattori (1880)

Qualità museale Qualità: da Museo

Salva nei quadri preferiti Salva

Libecciata

Nato a Livorno il 6 settembre 1825, persona umile amava in modo particolare le persone semplici e gli infelici. Fu definito un pittore macchiaiolo per il suo studio accurato della natura, ma questo termine da lui non fu mai gradito. Nominato per chiara fama, professore di perfezionamento di pittura con un compenso fissato in 240 lire annue più una catasta di legna, uno studio gratuito, ma con l'obbligo di insegnare a 2 allievi senza compenso. Questo "obbligo" fu accettato da Fattori con vanto, definendo una ricchezza l'insegnamento gratuito che impartì ad allievi che gli furono grati e riconoscenti.
Nei quadri di Fattori è raffigurata la vita sociale nei suoi aspetti più tristi, perchè il suo intento era quello di mettere sulla tela la sofferenza sia dell'uomo che degli animali impegnati nel lavoro nella bella campagna maremmana, creando una simbiosi fra questi soggetti. Fattori ha veramente amato gli infelici, in modo schietto sincero, con un onestà che non gli diede ne guadagno ne onori, ma continuando a rispettare la sua volontà di mettere sulla tela le sofferenze fisiche e morali.